Policlinico - Dura presa di posizione di Cgil, Cisl e Uil sugli incarichi di funzione


I sindacati minacciano il ricorso al Giudice del Lavoro




Bari, 20 ottobre 2021 - Policlinico


Qui di seguito il testo della nota già trasmessa unitariamente da CGIL, CISL, UIL:


Le scriventi OO.SS., constatato che nell'Azienda Ospedaliero–Universitaria Policlinico–Giovanni XXIII sono presenti in dotazione organica e quindi in servizio dipendenti inquadrati in Ds con il profilo professionale di CPS Infermiere Senior, conseguito a seguito di procedure concorsuali o comunque in applicazione di normative che hanno consentito il regolare inquadramento in tale categoria, per cui svolgono regolarmente le mansioni e le funzioni che il CCNL attribuisce a tale profilo professionale e soprattutto al personale inquadrato in Ds, visto l'art.52 comma 1 del D. Lgs. n.165/2001 in materia di disciplina delle mansioni nella parte in cui stabilisce che “Il prestatore di lavoro deve essere adibito alle mansioni per le quali è stato assunto o alle mansioni equivalenti nell'ambito dell'area di inquadramento ovvero a quelle corrispondenti alla qualifica superiore che abbia successivamente acquisito, a conferma che il lavoratore DEVE essere adibito alle mansioni proprie e, quindi, non può essere demansionato e dequalificato, con la presente nel chiedere la sollecita definizione della procedura per l'attribuzione degli incarichi di funzione, come da impegni assunti in sede prefettizia, fanno presente che tali incarichi potranno essere attribuiti solo per i posti attualmente vacanti e non anche per i posti già occupati dai CPS Infermieri Senior, come tra l'altro ribadito con nota prot. A00183/21  novembre 2019 n.15098 (che si allega) del Dipartimento Regionale Promozione della Salute, trasmessa direttamente al Direttore Generale A.O.U. Poclinico di Bari (e per conoscenza anche ai Direttori Generali delle Aziende ed Enti del S.S.R.) con la quale si chiarisce e si precisa che i nuovi incarichi di funzione  di cui agli artt.14 e ss. del CCNL 21.5.2018 devono essere attribuiti “al netto degli incarichi di coordinamento che permangono in quanto conferiti in forza della previgente normativa. 

Pertanto, invitano l'Azienda alla corretta applicazione della vigente normativa e del CCNL nonché a rispettare l'inquadramento acquisito dal CPS Infermiere Senior (Ds) che deve essere adibito alle mansioni proprie, nonché la diffidano qualora intendesse disconoscere il possesso del profilo e dell'inquadramento in Ds, comunicando sin d'ora la volontà di sostenere e rappresentare questi dipendenti anche dinanzi al Giudice del Lavoro in caso di mancato riconoscimento della funzione, in quanto ciò determinerebbe il conseguente demansionamento, 

Infine, se necessario, comunicano sin d'ora la propria disponibilità a partecipare ad un apposito incontro da tenersi con la Direzione Generale prima della definizione della procedura in atto, al fine di procedere alla puntuale applicazione delle clausole contrattuali e della normativa su richiamata, preannunciando sempre su mandato dei propri iscritti l'attivazione anche di azioni legali qualora la presente richiesta dovesse rimanere inevasa, precisando però che nel momento in cui sarà conclamato dal Giudice del Lavoro il riconoscimento del danno subito da parte dei lavoratori per accertato demansionamento e per eventuali richiesta di risarcimento dei danni morali e professionali subiti, il conseguente danno erariale dovrà inevitabilmente ricadere su tutti coloro che saranno ritenuti direttamente responsabili del procurato danno e per le maggiori spese che l'Azienda dovrà sostenere a causa di un contenzioso che si poteva evitare, vista anche la nota di chiarimento del Dipartimento della Regione  Puglia su richiamata, e che invece la Direzione Aziendale seppur a conoscenza non ha inteso osservare.