Comune di Sannicandro: pagamenti e Fondo entro Settembre 2021

Su richiesta del Prefetto, il Comune di Sannicandro risponde che non intende sanare alcuna inadempienza prima di fine Settembre. Inerzia senza scusanti


Comune di Sannicandro di Bari


Bari, 23 luglio 2021– Dopo la proclamazione dello Stato di Agitazione da parte di CGIL e CISL, con tanto di pesanti accuse di comportamenti antisindacali, il Comune di Sannicandro risponde al Prefetto che non intende adempiere ad alcuno dei suoi obblighi prima della fine di Settembre 2021.


La Prefettura ha aperto la procedura di raffreddamento, ma il Comune di Sannicandro rivendica pervicacemente il proprio diritto all'arbitrio, con una sprezzante lettera indirizzata al Prefetto.


Perdura il mancato pagamento delle indennità degli ultimi 3 anni, accompagnato dallo spreco di denaro pubblico assegnando buoni pasto a lavoratori che, non avendone diritto, non li avevano neanche chiesti. E continuano ad essere calpestate le chiare indicazione che prescrivono che del Fondo incentivante si discuta a inizio anno, e non a dicembre inoltrato per sancire posizioni ormai di fatto.


Ma chi è causa del suo mal pianga se stesso. Una Amministrazione che non cura l'organizzazione e l'amministrazione del personale che eroga servizi ai cittadini, non merita l'impegno e l'abnegazione che i lavoratori hanno continuato a dimostrare nonostante un simile perdurante e reiterato trattamento.

"A condizioni di merda, lavoro di merda"

La strada che porta agli scioperi è stata imboccata dall'Amministrazione Comunale. E figurarsi se come Organizzazioni Sindacali ci faremo sfidare su questo terreno.