top of page

Pensioni, Cisl: Gravissime le modifiche sui rendimenti dei dipendenti della Pa. Intervenire subito.

Una proposta ingiustificata e odiosa: ci attiveremo nei posti di lavoro se non verrà ritirata

# cisl # rendimenti pensioni # enti locali #sanità #ufficiali giudiziari

Petriccioli


Roma, 2 Novembre 2023


Una scelta gravissima quella di modificare, nella legge finanziaria, il rendimento della quota retributiva, la cosiddetta quota A, delle pensioni liquidate dal 2024 in poi per i lavoratori appartenenti alle gestioni pensionistiche della Cassa pensione dipendenti enti locali (CPDEL), della Cassa pensioni ufficiali giudiziari (CPUG) e della Cassa Pensioni Sanitari che hanno iniziato a lavorare prima del 31/12/1995 e che posseggono un’anzianità contributiva inferiore a 15 anni prima di tale data”.


Chiediamo al Governo Meloni l’immediato ritiro del provvedimento, in mancanza del quale ci attiveremo in tutti i luoghi di lavoro per rendere conto alle lavoratrici e ai lavoratori di cosa l’esecutivo ha prospettato a danno di milioni di persone

Lo dichiara il Segretario generale della Cisl Fp, Maurizio Petriccioli, in una nota nella quale definisce il provvedimento come “sbagliato perché cambiando le regole per il calcolo della quota retributiva della pensione, nonché per il riscatto della laurea, vengono colpiti e penalizzati i dipendenti degli enti locali, gli Ufficiali giudiziari, i dipendenti delle aziende sanitarie, delle aziende ospedaliere del Servizio sanitario nazionale e delle aziende pubbliche dei servizi alla persona”.


Una misura – prosegue -, che rischia di generare effetti perversi e negativi anche per le casse dell’INPS, visto che sono ancora in corso di pagamento molte ricongiunzioni di contributi precedenti il periodo Inpdap e il rischio è che, se cambiano le regole di rendimento, gli interessati smettano di pagare gli importi dovuti per ricongiungere i contributi di gestioni previdenziali diverse. Non solo, il rischio che denunciamo è quello di una fuga dal lavoro pubblico che sta avvenendo in queste settimane e che le direzioni generali degli Enti vogliono “tamponare” facendo leva sui tempi di preavviso, a danno dei lavoratori”.

 
logo Telegram
 

Come Cisl Fp riteniamo questa proposta ingiustificata ed odiosa, tenendo presente che colpisce quelle persone che si stanno occupando oggi della “messa a terra” del PNRR con l’obiettivo di cambiare l’Italia.”, ha concluso Maurizio Petriccioli.







Comments


bottom of page