Sanità. Cisl Fp e Cnps Cisl Fp: “Condividiamo le richieste FNOPI. Pronti alla piazza”

Chiesto un chiaro cambio di marcia da parte del Governo




Roma, 20 gennaio 2022


Condividiamo e vogliamo rafforzare le richieste della Fnopi per una piena valorizzazione normo-economica del personale infermieristico e dei professionisti sanitari tutti”.


Lo scrive, in una nota stampa, il coordinamento nazionale delle professioni sanitarie e la Cisl Fp Nazionale, in sostegno alla richiesta della Fnopi di riconoscere percorsi di valorizzazione della professione infermieristica.


Il Governo può ancora compiere una scelta di responsabilità, passando dalle parole di questi anni ai fatti. In caso contrario saremo pronti alla mobilitazione, presenti e riconoscibili in tutte le piazze del nostro Paese

“I professionisti sanitari – si legge nella nota – hanno risposto e stanno rispondendo ancora, in prima persona, all’urto determinato dal CoViD e dalle sue varianti, ammalandosi, rischiando le loro vite, rinunciando a ferie, permessi, riposi e accettando pronte disponibilità e turni che sono diventati l’ordinaria amministrazione dopo oltre due anni di pandemia”.

 

Partecipa al cambiamento dei servizi pubblici del nostro Paese!

 

“Come rivendicavamo ad inizio della crisi sanitaria, non vogliamo più sentire parlare di ‘angeli’ e di ‘eroi’ del CoViD, ma pretendiamo per i colleghi piena valorizzazione e riconoscimento delle professioni e del ruolo delle lavoratrici e dei lavoratori della Sanità, prevedendo risorse che avvicinino i tabellari alle medie europee; specifiche sezioni contrattuali che valorizzino le professioni, a partire da quella infermieristica; la revisione complessiva degli ordinamenti fermi al palo da ormai troppi anni; e l’erogazione, per il tramite dei ccnl, di quelle specifiche indennità che sono state a fatica conquistate in questi mesi”, proseguono.


“Il Governo può ancora compiere una scelta di responsabilità, passando dalle parole di questi anni ai fatti. In caso contrario, insieme alla fnopi, saremo pronti alla mobilitazione, presenti e riconoscibili in tutte le piazze del nostro Paese”, concludono dalla Cisl Fp e dal coordinamento nazionale delle professioni sanitarie.